Chi siamo

L’Associazione Culturale Umanità, libera Associazione apolitica e apartitica, nasce con l’obiettivo di ampliare e diffondere la cultura e la conoscenza delle migrazioni, occuparsi del concetto di integrazione tra culture differenti e comunicare l’importanza della loro intersezione.

Soci Fondatori e Consiglio Direttivo:

Francesco Ferroni

- Francesco Ferroni -
Presidente

Avvocato

Diego Marani

- Diego Marani -
Socio fondatore

Scrittore

Francesco Pistocchi

- Francesco Pistocchi -
Socio fondatore

Medico Chirurgo Oculista

Claudia Volta

- Claudia Volta -
Socio fondatore

Imprenditrice

Mustafa Sabbagh

- Mustafa Sabbagh -
Socio fondatore

Artista

Alfred Gomis

- Alfred Gomis -
Socio onorario

Calciatore

Marta Lignini

- Marta Lignini -
Socio consigliere

Avvocato

Stefano Scavo

- Stefano Scavo -
Socio consigliere

Dirigente d'azienda

Claudio Vagnini

- Claudio Vagnini -
Socio consigliere

Direttore Generale dell'Azienda Sanitaria di Ferrara.

Fabio Muzi

- Fabio Muzi -
Socio consigliere

Dirigente Scolastico CPA.

I soci fondatori dell’Associazione Culturale Umanità, sulla base di valori etici condivisi, si impegnano insieme a promuovere e diffondere argomenti di attualità inerenti ai flussi migratori, alle prassi di integrazione e formazione dei migranti e al potenziale creativo ed economico del multiculturalismo attraverso un approccio interdisciplinare.

La parola Umanità, nonché lo stile grafico che la rappresenta, sono stati scelti per incoraggiare la riflessione sul significato etimologico del vocabolo stesso: Umanità è il potente sentimento di solidarietà, compassione, amore, gentilezza, comprensione e indulgenza verso le persone.

Le parole, nel loro giusto e completo significato, sono importanti al fine di comprendere i fenomeni sociali in modo aderente alla realtà dei fatti, evitando fraintendimenti e visioni finali completamente falsate.

Vision

Stimolare la riflessione sul valore umano del migrante perché prima di essere migranti sono esseri umani.

Mission

Divulgare la conoscenza e la consapevolezza del fenomeno delle migrazioni e dei possibili interventi per facilitare l’integrazione dei migranti utilizzando differenti linguaggi e stili di comunicazione al fine di avvicinare un pubblico ampio ed eterogeneo, pur sempre nel rispetto dei reciproci diritti e della propria storia culturale.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi